Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator

Artist: ARMAROLI - GEMMO - MAIER     Album: FIGURE(S) A TRE     Label: Dodicilune     Code: 8059772565516

FIGURE(S) A TRE

  • FIGURE(S) A TRE

  • ARMAROLI - GEMMO - MAIER

  • 09 February 2024

  • 8059772565516

  • ED551

  • Digital, Dodicilune

  • No covers downloadable for Guests

No tracks downloadable for Guests

  • Total views : 159

  • Today views : 1

  • Created on : 18 January 2024

  • Total songs : 19

  • Total comments : 0

  • From: Dodicilune

Press Release

Prodotto da Dodicilune, distribuito in Italia e all’estero da Ird e nei principali store online da Believe, venerdì 9 febbraio esce “Figure(s) a tre”. Il progetto discografico nasce dalla collaborazione tra il vibrafonista Sergio Armaroli, la pianista Francesca Gemmo e il contrabbassista Giovanni Maier. 

«L’infinito musicale di Sergio Armaroli sta in quattro parole: dettagli, improvvisazione, microcosmo e gioco. L’infinito come lo pensava Béla Bartók, che ritraeva nello stesso tempo l’uomo e le sue ombre. Avvistando nell’incontro speculare tra alba (qui, le note pungenti del vibrafono di Armaroli e quelle cristalline del pianoforte di Francesca Gemmo) e tramonto (la timbrica scura e legnosa del contrabbasso di Giovanni Maier) il brulicare della vita microcosmica. È l’infinito di György Kurtág, che con l’opera “Játékok” (Giochi), piega alla propria fantasia un’immagine del suono che sta in un divertimento», sottolinea il pianista, giornalista e critico musicale Davide Ielmini nelle note di copertina. «Cosa fa un bambino quando vede per la prima volta un pianoforte? Prima ci appoggia un dito e poi l’intero palmo fino a pestare più tasti possibili. Non studio, ma esplorazione. Accade in questo disco che, ispirato a “Giochi”, allinea un trio capace di confrontarsi con una musica che si astrae da sé stessa fino a diventare suono fuso in purezza. Senza cedere alle troppe allusioni a ciò che è stata o sarà. A-tematico, il percorso di Sergio Armaroli – che sfrutta le potenzialità cosmiche di pochissime note raccolte in microcellule - si costruisce attraverso dodici “figure” nelle quali l’improvvisazione e la “quasi scrittura” (nella definizione del vibrafonista) diventano estetiche. E i dettagli si scoprono lentamente nel divenire di una relazione quasi atemporale fra i tre artisti. Se ne ricava una musica che “somiglia ad un mondo chiuso, quasi autoreferenziale, ma che vive di una propria libertà all’interno di un contesto preciso. Non si tratta di eclettismo ma di cercare un dialogo, di ricostruire una memoria musicale lavorando su timbrica e densità armonica”. Quindi, questo lavoro è “quasi un gioco”. Di dissolvenze, spazi aperti e pause lunghe, prova di fisica umana e prova di materia degli strumenti, gestualità (l’attacco ai tasti, i colpi e le cavate) e riscoperta di una interiorità che sembra trovare la sua sintesi in una intuizione di Giacinto Scelsi: “Il suono è sferico”».

La poetica di Sergio Armaroli abbraccia molteplici ambiti espressivi alla costante ricerca di un’unità dell'esperienza. Si dichiara pittore, percussionista concreto, poeta frammentario e artista sonoro oltre a fondare il proprio operare all'interno del "linguaggio del jazz" e dell'improvvisazione totale come "estensione del concetto di arte". Concentrato su una scrittura diffusa, consapevole di essere produttore "di-segni", dove l'invenzione verbale è "gesto poetico", nella vita è costretto a uno sforzo pedagogico costante. Con l’etichetta Dodicilune, Armaroli ha pubblicato, tra gli altri, “Prayer and request” (2010) e “Vacancy in the Park” (2015) con Axis Quartet, “Early Alchemy” (2013) un solo di marimba, “Tecrit” (2014) con Riccardo Sinigaglia (santur elettrico, flauti barocchi ed elettronica), "Micro and More Exercises" (2016) e "Deconstructing Monk in Africa" (2021) con Giancarlo Schiaffini, "Structuring the Silence" con Fritz Hauser (2017), “From The Alvin Curran Fakebook - The Biella Sessions” con il quartetto guidato da Alvin Curran, "To play Standard(s) Amnesia" con il suo quintetto e Billy Lester (2017), "Lux Ferrari Exercises d'Improvisation" con Giancarlo Schiaffini, Walter Prati e Francesca Gemmo, "Close (your) Eyes Open Your Mind" con Walter Prati, "Trigonos" con Andrea Centazzo e Giancarlo Schiaffini (2018), "TrioPlusTrio" con Giancarlo Schiaffini, Walter Prati, Roger Turner, Chris Biscoe e John Pope e "Meeting for two" con il pianista statunitense Billy Lester (2020), “Monkish (’round about Thelonious)” di Armaroli - Schiaffini 4tet (2022), “Vibraphone solo in four part(S)” (2023).

Francesca Gemmo è pianista, compositrice e didatta. L'attenzione a percorsi di sperimentazione e improvvisazione ha favorito la sua collaborazione con autorevoli artisti (Sergio Armaroli, Alvin Curran, Brunhild Meyer Ferrari, Steve Piccolo, Walter Prati, Giancarlo Schiaffini ed Elliott Sharp). Ha suonato in Italia e in Europa (Sale Apollinee di Venezia, Centre Le Phenix di Friburgo, Konzerthaus di Weimar, Fondazione Mudima di Milano, Museo del Novecento di Milano, Teatro Arsenale di Milano, Area Sismica). Alcune sue composizioni sono state eseguite in prima assoluta da Divertimento Ensemble, Irvine Arditti, Trio Matisse, Luca Avanzi, Sergio Armaroli e Sergio Scappini; altri lavori le sono stati commissionati da autorevoli interpreti come Magnus Andersson e Daniel Kientzy. Ha pubblicato diverse partiture (Salatino Edizioni e Berbèn), ha scritto diversi saggi di argomento musicale e didattico (Tangram Edizioni Scientifiche, Padus Edizioni). È tra le fondatrici dell’associazione Città sonora. Oltre alla partecipazione in vari progetti, per Dodicilune ha pubblicato l’album solista "Ad libitum" (2019) e "Contours" con Daniel Kientzy (2020).

Giovanni Maier nel 1988 si diploma in contrabbasso al Conservatorio “Giuseppe Tartini” di Trieste. Dal 1989 ad oggi ha partecipato (anche con gruppi guidati da lui stesso o in solo) a svariati jazz festival in tutto il mondo (Francia, Jugoslavia, Cecoslovacchia, Grecia, Macedonia, Germania, Austria, Belgio, Slovenia, Finlandia, Croazia, Svizzera, Tunisia, Spagna, Inghilterra, Canada, Giappone, Olanda, Danimarca, Norvegia, U.S.A., Turchia, Giordania, Brasile). Ha inoltre suonato con molti musicisti di fama internazionale come Enrico Rava, Gianluigi Trovesi, Cecil Taylor, Anthony Braxton, Keith e Julie Tippett, Louis Moholo, Roswell Rudd, Franco D’Andrea, Tim Berne, Chris Speed, Benny Golson, Willem Breuker, Tristan Honsinger, Massimo Urbani, Giancarlo Schiaffini, Antonello Salis, Maria Pia De Vito, Claudio Roditi, Richard Galliano, Ellen Christi, Herb Robertson, Guido Mazzon, Tony Scott, Roberto Ottaviano, Hamid Drake, Alexander Hawkins e molti altri. Inoltre ha fatto parte di numerose formazioni, importanti nel panorama jazzistico internazionale: Enrico Rava Electric Five, Italian Instabile Orchestra, Nexus, Gianluigi Trovesi nonet, Roberto Ottaviano Eternal Love, Enten Eller, Pino Minafra Sud Ensemble e altri. Ha partecipato a svariate trasmissione radiofoniche e televisive, anche presso importanti emittenti, come la Rai.

L’etichetta pugliese Dodicilune è attiva dal 1996 e dispone di un catalogo di quasi 350 produzioni discografiche (cd, vinili, dvd) di artisti italiani e stranieri. Grazie a Ird e Believe i dischi sono distribuiti in Italia e all'estero nei migliori negozi di musica, nelle principali catene (Feltrinelli, Fnac, Ricordi, Mondadori, Melbookstore) e su 60 piattaforme di download/streaming digitale in circa 80 paesi in tutto il mondo (iTunes, Spotify, Deezer, AppleMusic, Amazon, Qobuz, Tidal).

Track List

1 - Figure #13
2 - Figure #14
3 - Figure #15
4 - Figure #16
5 - Figure #17
6 - Figure #18
7 - Figure #19
8 - Figure #20
9 - Figure #21
10 - Figure #22
11 - Figure #23
12 - Figure #24

by György Kurtág
13 - Mottò [from Jatekok]
14 - Prelude and Waltz in C
15 - Little Chorale  
16 - Hommage à Bartok   
17 - Beating  
18 - Bells for Margit Màndy  
19 - The very last conversation with Làszlò Dornyei

All compositions by Sergio Armaroli
except 13-19 by György Kurtág

Personnel

Sergio Armaroli  vibraphone
Francesca Gemmo • piano
Giovanni Maier • double bass

Recording Data

• PRODUCTION DATA
Total time 52:24 STEREO DDD
(p) 2024 DODICILUNE (Italy)
(c) 2024 DODICILUNE (Italy)
www.dodicilune.it
CD DODICILUNE DISCHI Ed551
8059772565516


• RECORDING DATA
Produced by Sergio Armaroli and Maurizio Bizzochetti, Dodicilune
Recorded 1, 2 May 2023 at Artesuono Recording Studio, Tavagnacco (Ud), Italy
Mixed and mastered July 2023 at Artesuono Recording Studio, Tavagnacco (Ud), Italy
Sound engineer Stefano Amerio
Cover painting by Sergio Armaroli
Photos by Stefano Amerio
Contact: sergioarmaroli.com; sergioarmaroli@libero.it; armarolisergio@gmail.com                   

• EXTRA NOTES
The Figure(s) can be understood as models or incipits for an improvisation
in the style of each individual melodic shape or figure: flex-horizontal and mobile: “almost like an improvisation”… as Maestro György Kurtag Games…
“quasi una scrittura”: per trio

More Albums From Dodicilune