Artist: Fabio De Angelis     Album: Third Wave     Label: GleAM Records     Code: AM7007

Third Wave

  • Third Wave

  • Fabio De Angelis

  • 28 January 2022

  • AM7007

  • 8059018220063

  • Digital, Jazzos, GleAM Records

  • No covers downloadable for Guests

No tracks downloadable for Guests

  • Total views : 316

  • Today views : 1

  • Created on : 10 December 2021

  • Total songs : 8

  • Total comments : 0

  • From: GleAM Records

Press Release

GleAM Records è orgogliosa di annunciare l'uscita di Third Wave, debutto discografico del batterista Fabio De Angelis disponibile su CD e download / streaming digitale dal 28 gennaio 2022. 

Third Wave è un’istantanea sull’universo musicale del poliedrico musicista e compositore vicentino. 

La sua musica mostra un rapporto di apertura verso le istanze della contemporaneità ma anche di profondo rispetto per la tradizione del jazz di cui ha approfondito a lungo i codici linguistici. 

Da un lato la scrittura e dall’altro l’interpretazione delle canzoni e degli standards. Il filo rosso che lega queste due istanze espressive è la tradizione del jazz anni 50-60, un’ossessione che attraversa la “terza fase” di esplorazione stilistica del batterista e a cui consacra questo primo lavoro discografico. 

In questo approccio straight-ahead trovano tuttavia spazio diversi elementi di freschezza. 

L’approccio al suono, le modulazioni metriche, l’uso sapiente delle dinamiche inquadrano l’album all’interno di un post-bop contemporaneo dove alla chiarezza e all’equilibrio della sezione ritmica si affiancano le scelte armoniche e le improvvisazioni dei solisti, più vicine ad una modernità controllata.  

Alla chitarra abbiamo Luca De Toni, un collaboratore stabile del batterista in diversi progetti. Diplomatosi al Berklee di Boston ha avuto la possibilità di crescere con i più grandi maestri del jazz contemporaneo. Il suo modo di suonare conferisce, infatti, un piglio moderno alla musica attraverso uno spettro armonico cangiante in cui le soluzioni più ortodosse convivono e si fondono con le novità del jazz contemporaneo.

Al sassofono tenore Robert Bonisolo, un musicista che non ha bisogno di presentazioni. Virtuoso del proprio strumento, è stilisticamente un coltraniano, capace di conciliare la lezione di sassofonisti come Michael Brecker e Bob Berg con il sound di Dexter Gordon. Il suo incontro con il leader risale al 2020 è ha dato vita ad una collaborazione musicale culminata nella realizzazione di questo progetto.

Al contrabbasso Ares Tavolazzi, un musicista dal suono pieno e con una conoscenza profonda della tradizione del jazz ma che ha esplorato nella sua carriera altri universi musicali giungendo così ad una sintesi personale che ne rende riconoscibilissimo il suono. Un vero maestro insomma.

Il disco si apre con Tribulacao, brano dal mood latin e dal sound modale con una struttura narrativa ricca di chiaroscuri. De Angelis ce ne parla: “Il brano èdedicata alla mia compagna Chiara. Ho cercato di fotografare un periodo difficile della sua vita che dopo varie tribolazioni si è concluso con una certa serenità”. 

Boplicity è un brano iconico del periodo cool nato dalla penna di Miles Davis (che si firma con lo pseudonimo di Cleo Henry) e da Gil Evans. Il leader sottopone il tema a delle variazioni ritmiche che ne cambiano leggermente il flow grazie anche alle sue sottolineature con le spazzole. L’approccio generale rimane quello di un medium swing dall’accompagnamento solido e implacabile, terreno per le improvvisazioni energiche dei solisti.

Lake Zurich, unico brano scritto dal chitarrista, è un jazz waltz che colpisce per la sua profondità e malinconia.  La sua melodia cantabile e l’approccio armonico più libero dalle formule diventano il terreno per un crescendo di grande impatto guidato dal sassofonista.

Beatrice è uno splendido brano scritto da Sam Rivers, quarta traccia del disco. De Angelis ci racconta: 

“E’ la prima cosa che abbiamo suonato in studio tutti insieme, e ho deciso di tenerla. E’ un brano meraviglioso che non mi stanco mai di suonare anche dopo anni”.

Diamond Boy è un brano dal clima introspettivo, dalle atmosfere shorteriane e dalla melodia notturna. Il drumming del leader si differenzia qui dalle altre traccie rivelando un approccio libero su mood even 8th che contiene in sè i migliori esempi del drumming contemporaneo da Jorge Rossy a Brian Blade. Il batterista lo descrive così: “è un brano dedicato a mio fratello. La A è stata scritta di getto. La B invece, ha avuto una gestazione più lunga. Cerco di raccontare la fase adolescenziale di una persona che conquista la maturità facendo scelte importanti e difficili”.

La sesta traccia è una famosa canzone italiana di Gino Paoli, Senza Fine. L’arrangiamento del batterista porta il brano su un jazz waltz più incalzante rispetto all’originale, declinato al presente, con un’ atmosfera priva di sentimentalismi dove risaltano i fraseggi outside di Bonisolo e il comping puntuale e scuro del chitarrista.

Third Wave è la title track del disco. Un brano energico e assertivo in cui emerge chiaramente un retaggio hard-bop legato al mondo armonico del primo Coltrane e al suo uso di cellule motiviche brevi e incisive. Ne parla così l’autore: “Third Wave è stata scritta durante la terza ondata. E’ un brano che ho suonato in vari contesti e in vari modi. Sicuramente è quello che racconta di più questa mia fase legata alla tradizione”.

Il disco si chiude con una energica versione su tempo fast swing del celebre standard Just in Time. Descrive così le sue intenzioni l’autore: “E’ uno standard legato alla tradizione che mi è sempre piaciuto per la sua melodia. Un brano che ho voluto incidere in questo modo perché volevo un momento in cui suonare da solo con Robert senza nessun accompagnamento, tirando fuori quella vena un pò più aggressiva che abbiamo entrambi”.

Track List

1

Tribulaçao (F. De Angelis)

4.48

2

Boplicity (C. Henry, G. Evans)

5.27

3

Lake Zurich (L. De Toni)

8.18

4

Beatrice (S. Rivers)

5.27

5

Diamond Boy (F. De Angelis)

8.52

6

Senza Fine (G. Paoli)

6.56

7

Third Wave (F. De Angelis)

4.30

8

Just in Time (J. Styne, B. Comden, A. Green)

3.01

 

Total

 

47.19

Personnel

Robert Bonisolo– Tenor Saxophone

Luca De Toni- Guitar

Ares Tavolazzi– Double-bass

Fabio De Angelis- Drums

Recording Data

Registrato, Missato & Masterizzato ad Agosto 2021 presso Digitubestudio, Mantova – Italia

Ingegnere del Suono: Carlo Cantini

 

Copertina: Simone De Angelis

Grafiche:  Studioclessidra.it 
Prodotto da GleAM Records 

Stampato in Italia  2021

More Albums From GleAM Records