Artist: Cettina Donato | Ninni Bruschetta     Album: I SICILIANI     Label: AlfaMusic     Code: AFMCD242

I SICILIANI

  • I SICILIANI

  • Cettina Donato | Ninni Bruschetta

  • 28 May 2021

  • AFMCD242

  • 8032050021133

  • Digital, AlfaMusic

  • No covers downloadable for Guests

No tracks downloadable for Guests

  • Total views : 1096

  • Today views : 1

  • Created on : 21 May 2021

  • Total songs : 10

  • Total comments : 0

  • From: AlfaMusic

Press Release

“Abbiamo cantato il viaggio e il sogno visionario di un grande artista.”
In uscita “I Siciliani”, l’album del noto attore Ninni Bruschetta e della pianista e direttore d’orchestra Cettina Donato.

 

Dopo la pubblicazione nel circuito digitale (14 maggio) il 28 maggio 2021 esce su Compact disc l’album “I Siciliani” del noto attore e regista Ninni Bruschetta (Boris, I Cento Passi, Made in Italy) e della pianista, compositrice e direttore d’orchestra Cettina Donato (Eliot Zigmund, Fabrizio Bosso, Stefano Di Battista).
Il disco omaggia la poesia dello scrittore siciliano Antonio Caldarella: impegnato alla recitazione e al canto, Ninni Bruschetta interpreta i suoi versi sulle musiche composte e arrangiate per ensemble da Cettina Donato, che le esegue insieme a un grande cast di musicisti.
Una produzione AlfaMusic.

 

Reduci dai successi e dai sold out teatrali de “Il mio nome è Caino” di Claudio Fava, torna in un nuovo sodalizio artistico la vulcanica coppia Ninni Bruschetta-Cettina Donato. Una sinergia unica, entusiasmante. Dopo aver interpretato un testo di teatro civile come una jam session per pianoforte e voce commuovendo il pubblico dei teatri di tutta Italia, il duo propone adesso un’altra faccia della Sicilia, quella poetica e letteraria.

A fare da sfondo all’ispirazione artistica stavolta è lo stretto di Messina, patria comune, passaggio che ha condotto i due artisti sui palcoscenici di tutta Italia e all'estero. Lo stesso varco è stato attraversato molte volte dallo scrittore Antonio Caldarella, originario di Avola e cresciuto tra Napoli, Messina e il resto del mondo.

È la sua poesia che nell’album “I Siciliani” torna a vivere nella travolgente interpretazione di Ninni Bruschetta, in equilibrio tra recitazione e canto, e le suggestive composizioni originali firmate da Cettina Donato accompagnata da un quartetto jazz e gli archi della BIM Orchestra. Ad anticipare la pubblicazione del disco, il singolo “Alcol”, uscito venerdì 16 aprile https://youtu.be/aSOt_yvGuAI.

 

Il disco, prodotto dall'etichetta AlfaMusic, è una suite di 8 brani e 3 preludi per pianoforte, tutti composti e arrangiati da Cettina Donato, impegnata in questo disco al piano e - nel brano che dà il titolo al disco “I siciliani” - alle percussioni.             Con la sezione archi della BIM Orchestra unita al quartetto jazz, Cettina Donato torna al suo antico amore per il large jazz ensemble: a completare la formazione il sassofonista Dario Cecchini (Lee Konitz, Natalie Cole Band, Kenny Wheeler Hot Eleven, Funk Off, Paolo Fresu, Enrico Pieranunzi, Dave Liebman), il contrabbassista Dario Rosciglione (Cedar Walton, Joe Lovano, Randy Brecker, Phil Woods, Tony Scott, Danilo Rea) e il batterista Mimmo Campanale (Paolo Fresu, Bob Mintzer, Phil Woods, Lee Konitz, Randy Brecker, Dee Dee Bridgewater).                                     "Le Siciliane" è interpretata dall’attrice e cantante Celeste Gugliandolo (seconda a X Factor 2011 con I Moderni). Ninni Bruschetta presta la voce a tutti gli altri brani, che così descrive:

I Siciliani è un’idea moderna. Le Siciliane è un’idea antica. Alcol è un’ubriacatura di acquavite di Sardegna: Filu ‘e ferru malidittu! Amico Fragile l’aveva scritta per me, ma mi disse di no. Io ero a Belgrado il giorno del suo funerale e lui l’aveva già scritto. Amore Segreto è per chi sa amare tutte le donne insieme, ma una alla volta. Amuri miu è solo questo. Ninna Nanna è una profezia. Vorrei nuotare… nel tuo stesso mare. E dove sennò? 

BIO  

Attore di teatro, cinema e tv, Ninni Bruschetta ha firmato più di 40 regie teatrali, dirigendo, tra gli altri, Anna Maria Guarnieri, Claudio Gioè, Donatella Finocchiaro, Roberto Citran, David Coco, Edy Angelillo e Angelo Campolo.E’ stato per due volte direttore artistico dell’EAR Teatro di Messina. Tra cinema e televisione ha preso parte a quasi cento titoli, spaziando dalle grandi serie generaliste (Squadra Antimafia, Borsellino, Distretto di Polizia,I bastardi di pizzo falcone) al cinema d’autore (Luchetti, Giordana, Corsicato, Guzzanti, Pif, Von Trotta, Woody Allen, Paolo Sorrentino) al record di incassi di “Quo Vado?" di G. Nunziante, con Checco Zalone. E’ uno dei protagonisti della serie cult “Boris” e del relativo film di Ciarrapico, Torre e Vendruscolo nonché dell’ultimo capolavoro televisivo di Mattia Torre (La linea verticale). Premio Tony Bertorelli alla carriera nel 2018. Ha pubblicato tre sceneggiature con Sellerio e due saggi critici sul lavoro dell’attore con Bompiani e Fazi.

Pluripremiata pianista, compositrice e direttore d’orchestra, Cettina Donato da anni è annoverata tra i migliori arrangiatori italiani al Jazzit Award. Conduce la sua carriera concertistica prevalentemente tra Europa e Stati Uniti. Docente di jazz in diversi Conservatori italiani, ha ricoperto il ruolo di International President del Women of Jazz del South Florida. Ha diretto diverse orchestre italiane, mentre a Boston ha fondato big band a suo nome con musicisti provenienti dai cinque continenti. Nella sua carriera ha collaborato con importanti solisti del panorama jazz nazionale e internazionale, pubblicando cinque album a suo nome.

Antonio Caldarella (1959 – 2008), attore, poeta e pittore, è nato ad Avola ed è cresciuto a Napoli, a Messina e in giro per il mondo. In teatro ha lavorato con Antonio Neiwiller, Mario Martone, Elio De Capitani, Ninni Bruschetta e al cinema con Daniele Luchetti, Francesco Calogero, K.M. Brandauer e altri. Le sue poesie sono edite da piccole Case Editrici Siciliane che avevano capito il suo genio, senza che lui si sforzasse di fare qualcosa di più che non fosse scriverle. Persino Jean Paul Manganaro ha scritto parole meravigliose su di lui. Ma dev’essere stato un caso. Forse si erano parlati una sera davanti al mare. I suoi quadri, gli acquerelli e persino i bigliettini da visita dipinti a mano, sono sparsi nelle case di amici e conoscenti che li custodiscono gelosamente.

Il disco “I Siciliani” è dedicato a Stefania Marazzita. 

_____________________________________________

 

Questa è la storia del Gattoleone. Mio grande amico. Ha vissuto poco o troppo, ma comunque quanto voleva lui. E ha lasciato una traccia, forse un solco, su questa terra, fatto di poesia.”

Ninni Bruschetta

 

Ciò che di noi è più bello, è immortale. Ho conosciuto Antonio Caldarella pur non avendolo mai incontrato

Cettina Donato

____________________________________________________________________ 

Cos’è una storia?

Oggi la prima cosa che ci viene in mente è una storia su Instagram.

Forse perché neppure i social sono riusciti a privarci di questa parola. Le storie sono fatte da uomini e gli uomini non possono fare a meno delle storie. Questo disco è una storia che è fatta di tante storie. C’è la storia di Antonio, che scriveva poesie, dipingeva, recitava e poi moriva troppo presto. Per me era prima di tutto un amico ed era il protagonista di tutte le storie delle nostre serate, dall’aperitivo al bicchiere della staffa. Era un uomo di successo. Non perché ne parlassero in televisione o sui giornali, ma perché mieteva cuori di uomini e di donne. E questa è un’altra storia. Poi venne un giorno in cui decisi di raccontarlo allestendo uno spettacolo con le sue poesie, mentre dirigevo un teatro siciliano. Ma subito dopo la prima arrivarono i guastatori, i funzionari ,i politici e i saltafossi che si impossessarono di quel teatro, come spesso succede dalle nostre parti. E questa fu una brutta storia. Così brutta che il musicista che aveva lavorato a quello spettacolo non volle più tornare in quel teatro. Mi diede il numero di un altro direttore d’orchestra, anzi una direttrice che avevo visto pochi mesi prima al concerto di capodanno dirigere un gospel finale. Ma era solo un puntino rosso in lontananza per via dei suoi capelli. Direttore d’orchestra è un titolo che mi mette paura, anche se non sono più un ragazzino. Ma la paura scomparve quando le chiesi un arrangiamento di “How deep is Your Love” dei Bee Gees, per ventiquattro strumentisti classici. Cettina era in un paese straniero, forse in Ungheria, non ricordo: rideva al telefono, come una bambina davanti a un regalo. E lì nacque un’altra storia.

Poi cominciammo a viaggiare con e dentro lo spettacolo, che cambiava continuamente forma.

A ogni esibizione le poesie di Antonio, ovvero le sue storie, diventavano sempre più storie di Cettina che le faceva suonare. Intanto la mia personalissima storia cambiava talmente tanto che dopo più di trentacinque anni di regie teatrali mi trovavo catapultato sul palco a recitare. Così ci lanciammo in un’altra storia che era quella di Caino, il mafioso, raccontato da Claudio Fava. Alla prima rappresentazione si affacciò un chitarrista alla porta del mio camerino e disse: ma questa non è una pièce teatrale, è una jam session! Così le storie si intrecciavano sempre di più, mentre mi tornavano in mente i ricordi lontani dei pomeriggi in macchina con le canzoni di Paolo Conte e persino il mio primo spettacolo con Antonio che aveva un lungo titolo, come si usava a quei tempi: “L’incredibile Incontro tra Buddy Cheese e l’Uomo di Burro, due patiti del Jazz”. E poiché ogni spettacolo, ogni parola recitata dal vivo, ogni nota cantata è la storia di un viaggio sul precipizio del virtuosismo, ci inventammo l’ultima storia di queste storie. Arrivò Fabrizio, che credeva di essere un calciatore, ma per fortuna faceva il discografico, insieme al suo grande amico Alessandro. E anche loro portarono la loro lunga storia di passione, di competenza, di qualità. Così la poesia è diventata canzone e queste sono le nostre canzoni, ovvero le nostre storie, quella di Cettina, la mia, quella di Antonio e di AlfaMusic, tutte insieme; storie di Jazz, di poesia, di alcol e soprattutto storie d’amore. 

 

Ninni Bruschetta 

 

 

Track List

1. I siciliani 4.31

2. Le siciliane 3.36

3. Alcol 4:17

4. Preludio N. 1 2.56

5. Amico fragile 4.05

6. Amore segreto 5.55

7. Preludio N. 2 1.34

8. Amuri miu 7.36

9. Ninna nanna 3.53

10. Vorrei nuotare 2.11

 

Total time 43.28

 

All composed by Concetta Donato

Lyrics by Antonio Caldarella

Publishing: AlfaMusic Studio (Siae)

Personnel

Produced by AlfaMusic Label&Publishing

Artistic production Cettina Donato, Ninni Bruschetta, Alessandro Guardia, Fabrizio Salvatore

Ninni Bruschetta vocal

Cettina Donato piano, percussions, arrangements

Dario Cecchini bass clarinet, soprano sax, baritone sax

Dario Rosciglione double bass, electric bass

Mimmo Campanale drums, percussions

Celeste Gugliandolo vocal on track 2

Cettina Donato and Ninni Bruschetta photos Adriana Tuzzo                           

Photos during the recording sessions Fiorenza Gherardi De Candei

Dario Cecchini photo Maria Giulia La Rosa

The photo of Antonio Caldarella was granted by the archive of the Caldarella family

 

Creative copywriter Fabrizio Blini                                                                           Drawings Lelio Bonaccorso                                   

 

Graphic project Maurizio Capuano for ARTINWORK, Rome

_____________________________

Special thanks to:

 

Lorenzo and Nella Caldarella, Dario Cecchini, Dario Rosciglione, Mimmo Campanale, Celeste Gugliandolo, Eugenio Rubei (Alexanderplatz Jazz club, Rome), Fiorenza Gherardi De Candei press agent Italy, Lydia Liebman press agent USA-UK, Francesco Bruschetta video maker, Annie Kynsray, Assia Rosati, Fabrizio Blini, Marcella Crivellenti, Adriana Tuzzo, Monica Baraldi, Lelio Bonaccorso, Michael Borgida, Riccardo

Motta, Maurizio Capuano, Monika Pietruszewska, Anita Pusceddu, Luciano Vanni. 

 

 

Recording Data

Recording, mix and mastering AlfaMusic Studio (Rome)

Sound engineer Alessandro Guardia

More Albums From AlfaMusic